GRAFICA

Intestati aziendali, immagine coordinata.
Progettazione, sviluppo e realizzazione di intestati aziendali, progettazione immagine coordinata, biglietti da visita, buste commerciali, carta intestata, packaging prodotti e molto altro ancora.

“Coordinare” l’ immagine della propria azienda.

mondoeventi-immaginecoordinata

Poche cose (“graficamente” parlando) danno fastidio quanto un’ immagine aziendale non coordinata, non omogenea. Biglietti da visita di un tipo, buste da lettera di un altro tipo ancora, carta intestata ancora diversa e via discorrendo.

Perché succede?

Nella maggior parte dei casi il “colpevole” è il non dar il giusto peso a quest’ aspetto della propria immagine aziendale, e cioè l’ uniformità e continuità stilistica di tutti i propri intestati. Questo perchè magari avete stampato una volta da uno e una volta da un altro che ha poi messo mano ai file, capita magari perchè tranne che per il logo / marchio non vi siete rivolti ad un’ agenzia grafica credendo che i biglietti, le buste e la carta intestata potevate farveli anche da soli. Risultato? Avete 2 o 3 tipi di biglietti da visita su carte diverse, avete le buste stampate un pò storte perchè la vostra stampante non le prende benissimo, avete la vostra carta intestata stampata “a strisce” perchè “sta finendo l’inchiostro nella stampante, domani lo compro nuovo” … Tutto questo nei casi peggiori chiaramente, molti di voi hanno cura anche di queste cose e hanno tutto coordinato, bravi.

“Non succede mica niente di male se non ho i coordinati”…

Certo che non succede niente di grave se la vostra immagine non è coordinata.

Succede però che rispetto a chi ha “investito” (investito in questo caso è un termine ridicolo) nei propri coordinati voi farete una magra, anzi, una magrissima figura. Come già spiegato in un’ altra pagina fate finta di trovarvi da un possibile cliente che sta valutando se scegliere voi o la vostra azienda rivale che è lì al vostro fianco, in quel momento. Voi tirate fuori un blocco appunti comprato in cartoleria con attaccato un vostro adesivino ritrovato chissà dove, la penna della vostra compagnia di assicurazioni, al momento di dare i biglietti da visita voi ne date uno “nuovo” e il cliente vi fa notare che è diverso dall’ultimo che gli avevate dato tempo prima e vi chiede se i dati sono gli stessi o sono cambiati, voi rispondete che “no, ho solo stampato altri biglietti, ho voluto un pò cambiare” (come se stessimo parlando di un taglio di capelli o di una ricetta… ). Il vostro rivale invece, apre la valigetta e sfodera tutto il suo “arsenale”: blocco appunti personalizzato, agenda personalizzata, matita e penna personalizzate (e ne lascia due al cliente), biglietti da visita che il vostro in confronto sembra una sorpresina dei cereali e per finire la chicca, gli lascia un cd, personalizzato anch’esso, con la presentazione interrativa dell’azienda.

Ecco. Ora diteci, in tutta sincerità, chi pensate che sceglierà il cliente?

Attenzione, non stiamo discutendo della bontà dei vostri prodotti, ma della vostra immagine, di ciò che comunicate anche stando zitti…

Ok, passi per i biglietti da visita e le buste, ma perchè dovrei “coordinare” tutto?

Non dovete “strafare”, ma fregarsene o non dare importanza ai “coordinati” non va bene.